Una finestra sull'asessualità in Cina - carrodibuoi.it

Una finestra sull’asessualità in Cina

Uno studio, pubblicato lo scorso gennaio da Lijun Zheng e Yanchen Su ha evidenziato quello che è lo stato della comunità asessuale all’interno della Repubblica Popolare Cinese.

Se prendessimo per buona la percentuale “storica” di asessuali dell’1% sulla popolazione totale (anche se esistono altri studi che rivelerebbero una percentuale più alta, attorno al 3%), considerando che il numero di persone cinesi sopra i 20 anni è di 1,08 miliardi di persone, ci sarebbero, in Cina, la bellezza di dieci milioni circa di persone asessuali.

Per quanto grande possa essere il loro numero, si sa molto poco della composizione e del comportamento di questa comunità, dal punto di vista sociale o psicologico.

Quando chi ha fatto lo studio ha cercato articoli che parlassero del fenomeno, infatti, ha trovato una manciata di risorse, anche all’interno dei più importanti siti di ricerca a livello accademico in Cina.

Ci sono, come in altri paesi, delle comunità sviluppate on line.

Uno dei gruppi più attivi, è il Douban Group of Asexuality, un forum fatto sulla falsariga di quello storico di Aven, ed il Baidu Post Bar of Asexuality, che si è sviluppato attorno al motore di ricerca Baidu.

Inoltre, sono nati diversi gruppi di asessuali su QQ (un popolare sistema di messaggistica), oltre che su quello che viene definito il Twitter cinese, Sina Weibo.

Nel 2014, un articolo pubblicato su un sito di notizie cinese dal titolo “Sono asessuale: mangio più torta di quanto faccia sesso”, ha visto più di 10.000 persone discutere di asessualità, per un totale di 15.000 post.

Lo studio, fatto su 227 partecipanti trovati attraverso i gruppi social (227 partecipanti in Cina rivaluta un po’ la consistenza del nostro sondaggio fatto con 150 in Italia nda) dedicati alle persone asessuali, ha rivelato come le caratteristiche delle persone asessuali in Cina non siano diverse da quelle degli asessuali in Occidente, nello specifico, per quello che riguarda l’eterogeneità degli orientamenti romantici, dell’attività sessuale e della masturbazione.