Negli Usa “maschi” o “femmine” per tutta la vita?

Se quello che è stato anticipato stamattina dal New York Times venisse messo in pratica, saremmo di fronte alla più grande retromarcia nei confronti dei diritti civili per le persone Lgbtqia negli USA dalla fine della seconda guerra mondiale.

L’amministrazione Trump starebbe infatti per legiferare in modo che “il genere di una persona come maschio o femmina sia basato su tratti biologici immutabili, identificabili alla nascita o prima”.

Quindi, il genere di una persona, per il Governo federale americano sarà quello “scritto sul certificato di nascita originale, ad eccezione dei casi basati su prove biologiche”.

Questo provvedimento, si tratta di un rapporto del ministero della Salute, che strizza ancora di più (se ce ne fosse stato il bisogno) l’occhio alla destra ultrareligiosa riguarderebbe 1,4 milioni di americani che, fino ad oggi, hanno optato per una transizione.

Questa manovra riguarderebbe tutti gli aspetti della vita di queste persone, dalle scuole, ai rifugi per le persone senza tetto, ma sopratutto alle prigioni. Pensiamo a quella che potrebbe essere la vita di una donna trans (come, purtroppo accade realmente) all’interno di un carcere maschile.

“Tutto questo non fa altro che prendere la posizione dei medici, che è quella che le persone vedono per se stesse e renderla irrilevante, soltanto perché il Governo non è d’accordo”, ha dichiarato Catherine E. Lhamon, a capo dell’ufficio per i Diritti Civili del ministero dell’Istruzione dell’Amministrazione Obama.

“Le persone transgender sono terrorizzate -le fa eco Sarah Warbelow, dell’ufficio legale di Human Rights Campaign, un gruppo di pressione per i diritti delle persone Lgbt- Ogni volta che l’attuale amministrazione ne ha avuto possibilità, questa ha voltato loro le spalle”.

Il Ministero inoltre chiede che i quattro dicasteri principali per queste materie (Salute, Istruzione, Giustizia e Lavoro) adottino le stesse definizioni in modo da uniformare il loro uso da parte del Governo e per fare sì che i tribunali adottino esclusivamente queste linee.

Da notare che il documento circola dalla scorsa primavera, ma che non era stato reso pubblico, non c’è stata nessuna discussione in materia: il tema è decisamente impopolare anche per molti elettori repubblicani, e l’Amministrazione, per restituire gli assegni in bianco dati alla destra religiosa durante la campagna elettorale, voleva mettere il Paese di fronte al fatto compiuto, lavorando in segreto, come i ladri, o come chi sa che sta servendo una ristretta minoranza di bigotti e non sta facendo gli interessi dei propri cittadini.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi