Elezioni: quanti diritti civili nei programmi dei partiti?

E’ tempo di campagna elettorale e, come già trattato, sarà un legislatura poco rappresentativa per la comunità LGBTQIA, dove più che l’acquisizione di diritti, si dovranno difendere quelli già esistenti.

Diamo un’occhiata a quelli che sono i diversi programmi delle diverse forze politiche in materia di diritti civili.

Partiamo dalla neonata formazione di sinistra PaP (Potere al Popolo), nel loro programma, al punto 12 si parla di autodeterminazione e lotta alla violenza contro le donne e le persone lgbtqia. Questo quindi è uno dei programmi che si presentano più completi in materia, perché va dalla legge contro l’omotransfobia al matrimonio egualitario ricordandosi però anche i diritti sociali delle persone lgbtqia e la possibilità di adozioni (anche per le persone single, come lo sono molti asessuali) e per tutte le persone lgbtqia. Anche se neonata questa forza politica ha uno spirito progressista che non è presente in nessun altro partito, per quanto risulti, al momento, improbabile un loro ingresso del prossimo Parlamento.

Altra forza progressista, con maggiori possibilità di ottenere una rappresentanza nelle prossime camere, è LEU (Liberi e Uguali) guidata da Pietro Grasso che in una recente intervista, parla dei diritti civili e rivendica come la sua forza politica abbia inserito orgogliosamente i diritti Lgbtqia nel programma qui riportato, poche righe ma significative per una forza progressista che propone matrimonio egualitario, adozioni per coppie LGBT e depatologizzazione della condizione trans.

Una forza politica minore è +Europa di Emma Bonino, nel cui programma si fa riferimento ai diritti LGBT: “è altrettanto importante che il Parlamento discuta una riforma del diritto di famiglia nella prospettiva di superare le discriminazioni in materia di matrimonio, unione civile, adozione, riconoscimento automatico dei figli alla nascita e opportunità dei figli di genitori separati”. Si tratta comunque di una lista che è erede di quel Partito Radicale che ha fatto delle battaglie per i diritti e le libertà civili la propria bandiera nel corso degli ultimi quarant’anni.

Infine il programma di uno dei partiti più grandi il PD guidato da Matteo Renzi, il partito che nella legislatura appena finita ha promosso e fatto approvare (nonostante il voltafaccia, all’ultimo minuto del M5S) la Legge Cirinnà sulle unioni civili. Nonostante l’esclusione di Sergio Lo Giudice dalle liste, il PD promette attraverso dichiarazioni e programma di raggiungere matrimonio egualitario e lotta contro l’omotransfobia con una legge ad hoc.

Nel resto dei partiti, regna il silenzio, quando va bene.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi