Giorgia Meloni sostiene solo la natalità che piace a lei

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e probabile, prossima esponente di una sciagurata prossima maggioranza di Governo, ha dichiarato ai microfoni di Radiouno Rai che al primo posto del programma, tra tutte le cose che stanno mettendo al primo posto del programma, i partiti populisti come il suo, ci sarebbe il sostegno alla natalità.

“Se non invertiamo i dati sulla demografia -dice Giorgia Meloni- la nostra nazione è destinata a scomparire. Se in Italia non torniamo a fare figli non può reggere il sistema di protezione sociale, non può reggere il sistema pensionistico, non può reggere il sistema sanitario: abbiamo una società che sta invecchiando in maniera estremamente veloce e questo significa che avremo sempre molte più persone da mantenere di quante lavorino per mantenerle”.

Le proposte che l’Onorevole Meloni mette sul piatto, sono un po’ le stesse di sempre: più asili nido (e gratuiti), aumento dei congedi di maternità, eliminazione dell’IVA sui prodotti per i bambini e cose di questo tipo.

Mi piacerebbe dire alla leader di questo partito di destra (che non so fino a che punto si differenzi dagli alleati della Lega, a questo punto) che se si vogliono aumentare i nati, anziché forzare (o cercare di convincere) a fare figli chi non vuole averne, basterebbe lasciare avere una famiglia a chi la vuole.

Si potrebbe votare la stepchild adoption, che lei tanto ferocemente ha combattuto due anni fa durante la discussione in Parlamento, per dare una famiglia vera, a tutti quei figli che vedono una delle due madri, o uno dei due padri con i quali vivono essere, al netto di lunghi e costosi processi, dei perfetti estranei. Il risparmio ottenuto, per queste coppie, ripagherebbe l’asilo nido e l’IVA sui pannolini con i dovuti interessi.

Potremmo, anzi, permettere a giovani coppie omosessuali di adottare figli, così da dare una famiglia a bambini che non ce l’hanno, e a dare nuovi cittadini a questo Paese. Potrebbero esserci anche dei single in grado di crescere dei figli.

Basterebbe, poi, eliminare quello che rimane della orrenda legge 40 sulla procreazione assistita, scritta proprio dalla sua maggioranza circa quindici anni fa sotto dettatura della CEI, e permettere le pratiche, oggi consentite dalla scienza, come la GPA, che dalle sue parti si chiama ancora, con un po’ di disprezzo, “utero in affitto”.

Per non parlare del fatto che, per riempire i vuoti lasciati dal calo demografico, c’è un continente intero che verrebbe a vivere in Italia volentieri, fatto per lo più di giovani determinati a migliorare la propria vita.

Ma, dato come la pensa, su questi argomenti, e dato che la famiglia che lei vuole sostenere è la “famiglia tradizionale”, c’è poco da sperare per i prossimi anni.

Quelli che lei chiede, non sono “aiuti all’infanzia”, altrimenti avrebbe pensato a questi semplici provvedimenti, spesso anche a costo zero, dato che basterebbe legalizzare delle situazioni che sono al limite della legalità, al momento.

Sono privilegi che vuol dare a chi vive come piace a lei, e che dovremmo iniziare a chiamare con il proprio nome. Dietro al “sorriso di un bambino” che mettete nei vostri manifesti per farvi votare, ci sono soltanto razzismo ed omofobia.

Inoltre, dare privilegi a chi faceva più figli togliendone a chi non ne faceva (è matematica), fu un’idea che venne diversi anni fa al Capoccione di Predappio… forse, rinverdirla le farà prendere qualche voto da quei nostalgici da curva nord che sono la base del suo partito, ma, già all’epoca, non servì a nulla.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi